GRUPPI DI VIAGGIO: INCA TOUR PERÙ 2020:
LUGLIO: dal 18/07 al 31/07 (11 posti ancora disponibili, sconto di 60 euro nel tour luglio)
AGOSTO: dal 01/08 al 14/08
(9 posti ancora disponibili)
SETTEMBRE E OTTOBRE: date da definire

Le date dei tour possono variare di qualche giorno, sulla base delle richieste dei partecipanti. I prezzi sono riportati in fondo al programma di viaggio.

TAPPE DELL’INCA TOUR PERÙ 2020 (LUGLIO E AGOSTO)

GIORNO 1  – Partenza

Partenza dall’Italia con voli internazionali verso Lima (Perù). A seconda degli orari dei voli di partenza scelti dal partecipante, l’arrivo a Lima potrà avvenire il giorno stesso della partenza o il giorno successivo.

GIORNO 2  – Lima

All’arrivo a Lima una navetta ci accompagnerà in hotel e poi, in mattinata, breve visita del centro storico di Lima. Per il pranzo ci dirigeremo nel caratteristico quartiere di Barranco, per mangiare un ceviche in un ristorantino e raggiungere un punto panoramoico con vista sull’Oceano Pacifico. Nel pomeriggio visiteremo il sito archeologico di Huaca Pucllana, un’antica costruzione piramidale presente ancora oggi nel centro di Lima.

GIORNO 3 – Arequipa

La mattina, con un breve volo interno, arriveremo ad Arequipa, la cosiddetta “Ciudad Blanca”.  In questi due giorni avremo modo di conoscere la città, caratterizzata dal suo ricco passato coloniale e sarà anche l’occasione di provare alcuni dei piatti tradizionali della zona. Nel pomeriggio passeggeremo per le strade della città bianca, alla scoperta delle sue ricchezze culturali e architettoniche.

GIORNO 4  – Arequipa

Durante questa giornata proseguirà la visita di Arequipa. La mattina, sarà possibile visitare il Monastero di Santa Catalina e il famoso mercato San Camilo. Nel pomeriggio ogni partecipante avrà tempo a disposizione per continuare a passeggiare nel centro storico della città.

GIORNO 5  – Chivay

Partiremo con una navetta la mattina presto per inziare l’avvicinamento alla zona del Canyon del Colca. Durante il tragitto attraverseremo una Riserva naturale caratterizzata da un bellissimo paesaggio d’alta quota nel quale sarà possibile fare qualche sosta e osservare esemplari di vigogne allo stato selvatico.  

Arriveremo a Chivay per il pranzo e nel pomeriggio, chi vorrà potrà raggiungere le terme di La Calera.

GIORNO 6  – Cruz del Condor

Ci sveglieremo presto per raggiungere il punto panoramico della Cruz del Condor. Qui è quasi sempre possibile osservare lo spettacolo unico dei condor in volo sulla valle del Colca.

Dopo ritorneremo a Chivay per il pranzo e da lì ripartiremo in pullman per raggiungere Puno in serata. Lungo il cammino da Chivay a Puno passeremo vicino a una laguna della Riserva nella quale è a volte possibile osservare esemplari di fenicotteri andini.

GIORNO 7  – Lago Titicaca, isole galleggianti degli Uros e Taquile

In mattinata partenza dal porto di Puno per una visita alle isole galleggianti degli Uros, nelle quali sarà possibile incontrare le famiglie di questo popolo del lago Titicaca.

Poi faremo rotta per Taquile dove una volta arrivati, pranzeremo in una delle case delle famiglie locali. Ci sarà tempo per visitare il mercato artigianale e passeggiare per le stradine di questo paesino andino che conserva ancora oggi le sue antiche tradizioni. Rientro a Puno nel pomeriggio.

GIORNO 8 – Da Puno a Cusco, lungo la Ruta del Sol

Partenza in pullman in mattinata verso Cusco. Varie saranno le tappe lungo la Ruta del Sol per raggiungere Cusco.

Durante le circa 9 ore di viaggio si faranno diverse soste. La prima visita sarà al sito archeologico Kalassaya-Pukara, poi al Museo andino di Alcra Pukara e successivamente alla famosa Abra La Raya.

 A metà giornata arriveremo in ristorante dove ci aspetterà un abbondante pranzo buffet. Dopo poroseguiremo il viaggio e faremo sosta a Raqchi per visitare l’antico Tempio di Wiracocha. Penultima tappa a Andahuaylillas, per la visita alla cosiddetta “Cappella Sistina d’America”. Arrivo a Cusco in serata e sistemazione in hotel.

GIORNO 9 – Cusco

In questa prima gioranta a Cusco avremo modo di passeggiare in mattinata per la città, visitare il famoso mercato di San Pedro, l’antico quartiere di San Blas e iniziare a osservare da vicino le impressionanti costruzioni inca del centro storico.

Cusco era l’antica capitale dell’immenso impero inca, il cosiddetto Tahuantinsuyu, un territorio che si estendeva dall’Ecuador fino all’Argentina e dalle coste dell’Oceano Pacifico fino all’Amazzonia. L’antico nome di Cusco era Qosqo, che in lingua quechua significa “ombelico”, parola che fa capire bene come per gli inca tale città rappresentasse effettivamente il centro del mondo da loro conosciuto.

La testa del Puma

In questa giornata a Cusco avremo modo di visitare alcuni dei più importanti centri archeologici della città. Sacsayhuaman è certamente uno di essi. Questo complesso architettonico, costruito probabilmente dagli Inca, si trova sulla cima di un monte di Cusco, lì dove secondo la tradizione antica dimorano gli spiriti tutelari. Rappresenterebbe la “testa del puma” della città, che vista dall’alto delinea la forma del felino sacro degli inca. Lo stile architettonico è impressionante, il peso di alcune pietre arriva a 125 tonnellate e nonostante il volume ciclopico dei massi, l’unione tra ogni pietra è perfetta. Una vera meraviglia dell’architettura antica.

A Sacsayhuaman visiteremo anche un luogo in cui pochi vanno, che in pochi conoscono… Esploreremo un’antica “chinkana”, un tunnel segreto costruito dagli inca per motivi ancora non chiari. C’è chi dice che il sistema di tunnel sia molto più lungo di quello esplorabile ancora oggi e si racconta che in questi tunnel…

Nel ventre della Pachamama

Secondo la saggezza Inca, le formazioni rocciose erano como il sistema osseo del corpo umano, per questo quasi tutti gli affioramenti rocciosi erano considerati sacri. Qenqo è un proprio un chiaro esempio di questo concetto.

Il luogo archeologico è caratterizzato da una massa rocciosa in cui è possibile osservare varie forme scolpite tra le quali canali di uso rituale e resti di un sistema astronomico chiamato “il Risveglio del Puma”. La massa rocciosa nasconde al suo interno una grotta usata anch’essa per fini cerimoniali. Cammineremo all’interno di questa cavità labirintica che gli Inca consideravano sacra, in quanto durante i rituali che svolgevano, rappresentava simbolicamente l’utero materno della Pachamama, la Madre Terra rispettata e venerata degli antichi popoli andini.

Visiteremo anche il Coricancha (Recinto d’Oro). Tale luogo era il centro religioso della cultura Inca, e lo testimonia ancora oggi ciò che resta dei suoi tempi dedicati al Sole (il dio Inti) ,alla Luna (la Mama Quilla), alla Stelle, al Fulmine e all’Arcobaleno.

GIORNO 10 – Chinchero, Maras, Moray, Ollantaytambo e Aguas Calientes

Dopo una bella colazione saremo pronti per raggiungere la nostra navetta e dedicare la giornata all’esplorazione della zona di Maras e Moray e di una parte della bellissima Valle Sacra degli Inca.

La prima tappa della giornata sarà a Chinchero, un paesino nel quale ancora oggi molti abitanti continuano a tessere secondo l’antica tradizione andina. Vedremo come i locali producono i loro bellissimi tessuti, colorati con elementi naturali. Proseguiremo il viaggio in navetta per raggiungere la Pampa di Maras.

Moray e Maras

La pampa di Maras, a circa 3.500 metri di altitudine, contiene uno dei più bei e sofisticati laboratori agricoli dell’impero inca: Moray.

Disegnato approfittando di depressioni naturali che come imbuti si proiettano al di sotto del livello della pampa, il sito di Moray contiene fonti cerimoniali e terrazze concentriche che furono utilizzate dagli inca per fini agricoli e, secondo molti, non solo per questo. Un luogo in cui sembrano amplificarsi le energie della Terra.

A poca distanza da Moray si trovano le saline di Maras, uno scenario a mosaico formato da circa 3000 piccoli pozzi nei quali gli abitanti della zona ogni giorno raccolgono a mano i cristalli di sale. Il sale rosa di Maras è ottentuto dall’evaporazione naturale di un fiume salato molto particolare che viene canalizzato nei pozzi della salina. Si pensa che tale corso d’acqua sia il drenaggio di un oceano preistorico sotterraneo, situato al di sotto delle Ande. A causa dell’origine sotterranea di tale acqua, il sale di Maras è un sale speciale, privo di contaminanti. Inoltre, a differenza del sale comune, è un sale ricco di nutrienti e minerali, dei quali si carica scorrendo a contatto con le montagne della cordigliera andina. Gli inca conoscevano bene le proprietà di questo sale e per questo rappresentava un elemento base della loro dieta alimentare.

Una conoscenza perduta

La domanda “ma come hanno fatto?” è una domanda che ci si fa spesso osservando l’architettura associata agli inca. Ollantaytambo è uno di quei luoghi in cui tale domanda, mentre osserveremo la perfezione con cui vennero lavorate le sue pietre e la dimensione di alcuni monoliti presenti sulla cima della montagna, ci sarà occasione di farsela più di una volta.

Gli archeologici si domandano ancora oggi se le strutture monolitiche del cosiddetto Tempio del Sole furono realizzate dagli inca o da qualcun altro prima di loro, dato che ricordano lo stile costruttivo della cultura Tiwanaku, antecedente agli inca di centinaia d’anni.

Ciò che vedremo ad Ollantaytambo, uno dei maggiori siti archeologici del Perù, costruito su un’area di circa 600 ettari e contenente complessi religiosi, astronomici, amministrativi, urbani e agricoli, sorpenderà anche il più razionale degli osservatori. E poi c’è un’antica storia che si racconta, che parla di alcune donne speciali del luogo, le quali, inginocchiate ad un fonte sacra…

GIORNO 11 – Machu Picchu

Dopo aver trascorso la notte in hotel ad Aguas Calientes, ci sveglieremo prestissimo per raggiungere la città perduta degli Inca, Machu Picchu, e cercare di vederla anche illuminata dai primi raggi dell’alba, immersi in quella sensazione di meraviglia unica che si prova nel visitare uno dei luoghi più affascinanti e misteriosi del pianeta.

Durante le quattro ore di tempo che avremo a disposizione per camminare tra le opere architettoniche della Città Perduta, scopriremo le teorie che tentano di spiegare l’origine del sito e proveremo a capire che cosa successe davvero agli inca durante la loro fuga dagli invasori spagnoli. Dopo aver pranzato ad Aguas Calientes faremo ritorno a Cusco.

GIORNO 12 – Cusco

In quest’ultima giornata di tour i partecipanti potranno passeggiare per conto proprio tra le strade di Cusco, visitando gli angoli più nascosti della bellissima città andina. Oppure, chi vuole può scegliere di fare uno dei due trekking opzionali al Cerro Colorado o alla Laguna Humantay.

Tour opzionali dell’ultima giornata:

Insieme a guide locali esperte in escursioni d’alta quota, sarà possibile avventurarsi in trekking impegnativi di un giorno e incredibilmente spettacolari fino alla montagna arcobaleno Vinicunca o fino alla Laguna Humantay, simboli di infinita bellezza delle Ande peruviane.

GIORNO 13-14 – Ritorno in Italia

Volo di avvicinamento Cusco-Lima e poi voli da Lima per l’Italia, ritorno in Italia e fine del viaggio. A seconda dei voli di rientro scelti dal partecipante e dei relativi scali internazionali e coincidenze, la giornata di arrivo in Italia potrà variare.

NOTE

Escursione opzionale a Huayna Picchu: Il giorno in cui si visiterà Machu Picchu, il partecipante che lo desidera, ha la possibilità di fare l’escursione aggiuntiva sulla montagna Huayna Picchu. Gli ingressi a Huayna Picchu sono limitati per questioni di sicurezza, data la notevole pendenza di alcuni punti della salita. Tali ingressi vanno prenotati con almeno sei mesi di anticipo.

Mediatore culturale e accompagnatore del gruppo: Stefano Lioni

Sono un travel blogger, naturalista, esploratore e studioso dei popoli antichi. Racconto le culture ancestrali e le bellezze naturali del Sudamerica nel mio blog di viaggio www.sullavia.it  e nella pagina facebook Sulla via degli sciamani. Mi appassiona da sempre tutto ciò che è legato alle antiche civilità, ai misteri che le avvolgono e alla spiritualità originaria dei popoli ancestrali. In qualità di Direttore di Terra Madre Tours ho preparato personalmente questo tour tra le Ande al fine di offrire ai gruppi di viaggio una profonda esperienza di conoscenza della storia degli Inca e delle tradizioni dei popoli andini. Vivendo in Bolivia e viaggiando spesso nel vicino Perù, continuo ogni giorno lo studio diretto delle culture andine e amazzoniche, attività che mi permette di arricchire con gli argomenti delle mie ricerche, i contenuti delle tappe dei viaggi e le condivisioni itineranti con i partecipanti dei gruppi.

Quota di partecipazione Inca Tour Perù:

Sistemazione 11 notti in HOTEL:

  • In stanza singola: 1.900 € (1.750 € per chi acquista il tour entro il 15/03/2020);
  • In stanza doppia: 1.700 € (1.550 € per chi acquista il tour entro il 15/03/2020).

Sistemazione mista, 7 notti in HOTEL e 4 notti in OSTELLO:

  • In stanza singola: 1.700 € (1.550 € per chi acquista il tour entro il 15/03/2020);
  • In stanza doppia: 1.500 € (1.350 € per chi acquista il tour entro il 15/03/2020).

La quota include: tutte le colazioni e i pranzi, i voli interni Lima-Arequipa e Cusco-Lima, tutti i trasporti locali (taxi, pullman collettivi, navette private, treni), le attività con l’accompagnatore e mediatore culturale da Lima a Cusco, le guide locali, gli hotel 3 stelle o ostelli (a scelta del partecipante), l’ingresso a Machu Picchu e a tutti gli altri siti archeologici previsti nel tour descritto sopra.

La quota non include: le cene e le seguenti escursioni facoltative:

  • Cerro Colorado o Laguna Humantay (40 euro);
  • La salita a Huyana Picchu (40 euro);
  • Eventuali giorni di estensione personalizzata del tour a scelta del partecipante.

La quota non include i voli internazionali e l’assicurazione viaggio.

I voli e l’assicurazione sono acquistabili indipendentemente o tramite nostra agenzia viaggi partner. La quota richiesta dalla nostra agenzia partner è di 100 euro, ed include l’acquisto dell’assicurazione viaggio, l’assistenza alla scelta dei voli migliori, il servizio d’acquisto degli stessi e l’invio dei biglietti aerei e dell’assicurazione.

Gli ostelli della sistemazione mista sono sempre strutture di buona qualità, dotate anch’esse, come gli hotel, di wi-fi e bagno in camera.

Estensioni possibili: È possibile estendere il tour per visitare la zona delle linee di Nazca e del deserto di Huacachina o per esplorare gli ambienti dell’Amazzonia peruviana.

Importante: il gruppo di viaggio sarà di massimo 14 persone e ai viaggiatori interessati all’acquisto, a causa del rapido esaurimento dei biglietti di ingresso a Machu Picchu (uno dei luoghi più visitati al mondo, con circa 2.500 ingressi giornalieri) e a causa dei prezzi in costante aumento dei voli aerei internazionali, si consiglia l’acquisto del tour e dei biglietti aerei almeno cinque/sei mesi prima della partenza, in modo da assicurarsi le offerte migliori.

Richiesta preventivo:

Risponderemo alla tua richiesta entro le prossime 24 ore.

TERRA MADRE TOURS
Info e prenotazioni: info@terramadretours.com
WhatsApp: 3337616215